Home Esperto risponde Limiti sugli incassi senza partita iva

Limiti sugli incassi senza partita iva

by admin

QUESITO:

Mia moglie, vorrebbe aprire, senza pretese elevate, almeno per provarci, un sito web sul quale mettere in vendita, sia in Italia che all’estero, qualche oggetto artigianale, frutto del suo lavoro (monili, piccoli oggetti per la casa, ecc.) che realizza in economia, sulla tavola della cucina, proprio per dare una mano alle entrate familiari che risentono, fortemente, del blocco del mio lavoro. La domanda è: mia moglie è costretta ad aprire, per forza, la partita Iva, l’iscrizione alla camera di commercio, e a fare altri adempimenti fiscali e non, anche se dovesse incassare importi, inferiori ai 5.000 Euro nel corso di quest’anno? Esiste un limite massimo di introiti suoi personali, entro il quale NON deve aprire per forza la Partita Iva e in tal caso, ci sono tasse da pagare? Grazie anticipate per la risposta.


RISPOSTA
:


Gentile Utente, no nel caso in cui gli introiti generati dall’attività di sua moglie siano inferiori a € 5.000,00 non è obbligata ad aprire una Partita Iva, ma basta l’emissione di ricevute occasionali. Qualora in futuro supererà tale soglia ci sono comunque dei regimi, come ad esempio il regime forfettario, che sono fortemente agevolati dal punto di vista fiscale.

related posts

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato. Sempre!

You have successfully subscribed to the newsletter

There was an error while trying to send your request. Please try again.

Commercialista telematico .Net - Studio Monticchio e Partners will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.

Vuoi rimanere aggiornato gratuitamente sulle novità fiscali e tributarie?

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter

C'è un errore temporaneo. Riprova più tardi.

Lo Studio Monticchio e Partners utilizza i tuoi dati per inviarti informazioni economiche e fiscali. I dati NON vengono ceduti a terzi.