Home News e circolari Ristori quater: tutte le novità del nuovo decreto

Ristori quater: tutte le novità del nuovo decreto

by Gianmario Andriani
Decreto Ristori Quater

Ristori quater pubblicato in Gazzetta ufficiale: proroga delle imposte, nuovi codici ATECO e nuovo bonus per lavoratori del turismo, dello spettacolo e dello sport

Il 30 novembre 2020 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il testo del Decreto Ristori Quater. Il testo completo può essere consultato qui.

Quindi tante le novità che sono contenute nel testo del Decreto n.157 tra cui la proroga delle imposte sul reddito al 10 dicembre, un nuovo bonus da 800 e 1000 euro a sostegno dei lavoratori che operano nel turismo, nello spettacolo o in ambito sportivo.

Pertanto è stata confermata la mini proroga già annunciato dal MEF. Di conseguenza slittano dal 30 novembre al 10 dicembre la dichiarazione dei redditi ed il secondo o unico acconto Irpef, Ires ed Irap.

In aggiunta per alcuni soggetti la proroga si protrarrà a marzo 2021. Puoi vedere qui quali.

Si allarga, inoltre, la platea dei codici ATECO, già inclusi nel Ristori bis, che potranno beneficiare del contributo a fondo perduto; ad esempio sono stati inseriti gli agenti di commercio.

Ristori quater: confermata la mini proroga degli acconti di novembre e dichiarazione dei redditi

Il Decreto Ristori quater ha ridisegnato il calendario per gli acconti di novembre.

In primo luogo prevede la proroga al 10 dicembre del versamento della seconda o unica rata delle imposte sui redditi e dell’Irap per chi opera attività d’impresa, arte e professione.

Quindi, di fatto, sono esclusi tutti i privati.

Alla stessa data è fissata la nuova scadenza per la dichiarazione dei redditi e dell’IRAP.

In aggiunta slittano al 30 aprile 2021 per i soggetti cui sia applicano gli Isa (escludendo chi ha prodotto, nel periodo precedente d’imposta, ricavi per importi superiori a 50 milioni di euro) e che hanno avuto un calo di fatturato di almeno il 33% tra primo semestre 2020 e quello 2019.

Inoltre beneficiano dello slittamento al 30 Aprile 2021 i contribuenti che hanno un codice ATECO che rientra tra quelli elencati nell’allegato 1 o 2 del Decreto Ristori e Ristori-bis (puoi consultarli qui) che al 26 novembre sono ubicati in una zona rossa.

Infine ne beneficiano i ristoratori, operanti in zone arancio alla data del 26 novembre.

Queste ultime due ne beneficiano a prescindere dal calo di fatture.

Proroga versamento dell’acconto IVA al 16 marzo: ecco per chi

La scadenza del versamento dell’acconto Iva era fissata al 28/12/2020.

Tuttavia il Ristori quater ha prorogato tale scadenza al 16 marzo 2021.

In particolare tale scadenza è prorogata per i contribuenti che, nel mese di novembre 2020, hanno subito un calo del fatturato di almeno il 33% rispetto a quelli del 2019.

D’altra parte la proroga scatta anche in assenza di questo requisito per alcune delle categorie più danneggiate dall’emergenza.

Esenzione IMU anche per i soggetti passivi

L’art. 8 del Decreto Ristori quater prevede l’esenzione Imu della prima e della seconda rata del 2020 anche nel caso in cui il soggetto passivo non coincida con il gestore dell’immobile.

Invece non è prevista alcuna proroga generalizzata della scadenza.

Ristori quater: bonus 1000 euro

Il bonus 1000 euro era già previsto dal primo Decreto Ristori ad alcune categorie: quali i lavori dipendenti ed i lavoratori autonomi che avevano ridotto o sospeso l’attività o il rapporto di lavoro a causa del Covid-19.

Il Ristori quater rinnova il bonus 1000 euro, e ne amplia la platea dei beneficiari.

Verrà accreditato in automatico a tutti coloro che lo avevano già ricevuto in precedenza.

Mentre i lavoratori che non hanno fruito dell’indennità in precedenza dovranno presentare puntuale domanda.

In particolare si tratta:

  • di lavoratori stagionali nel settore del turismo;
  • dei lavoratori in somministrazione per imprese utilizzatrici operanti nel settore del turismo;
  • di lavoratori intermittenti;
  • di lavoratori occasionali;
  • dei lavoratori nel settore dello spettacolo;
  • di venditori a domicilio;
  • dei lavoratori a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali.

Ecco i requisiti per ricevere il bonus 1.000 euro

  • Aver cessato non per propria volontà il rapporto di lavoro nel periodo tra 1 gennaio 2019 ed il 30 novembre 2019;
  • Aver totalizzato almeno 30 giornate lavorative nel periodo;
  • Non essere, al 30 novembre 2020, titolari di pensione o di rapporti di lavoro dipendente o Naspi.

Bonus 800 euro per i collaboratori sportivi

In aggiunta il Decreto Ristori quater ripropone per il mese di dicembre 2020 un bonus di 800 euro per i collaboratori sportivi.

Potranno beneficiarne i soggetti con contratti di collaborazione con il CONI, il CIP e con società sportive o associazioni sportive dilettantistiche.

Tuttavia tali rapporti devono essere cessati a causa del Covid.

Chi ha già beneficiato dell’indennità nel mese di novembre si vedrà accreditata la somma automaticamente, al contrario bisogna presentare la domanda presso il portale Sport e salute.

Contributi a fondo perduto per agenti di commercio: nuovi codici ATECO e come si calcola.

Il Decreto Ristori quater amplia la platea dei Codici ATECO che potranno accedere al contributo a fondo perduto aggiungendo anche gli agenti di commercio. Restano esclusi i professionisti.

Puoi trovare l’elenco completo dei nuovi codici ATECO qui.

Vuoi calcolare facilmente l’importo del tuo contributo a fondo perduto? Scarica gratuitamente il modello excel che lo calcola automaticamente

related posts

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato. Sempre!

You have successfully subscribed to the newsletter

There was an error while trying to send your request. Please try again.

Commercialista telematico .Net - Studio Monticchio e Partners will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.

Vuoi rimanere aggiornato gratuitamente sulle novità fiscali e tributarie?

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter

C'è un errore temporaneo. Riprova più tardi.

Lo Studio Monticchio e Partners utilizza i tuoi dati per inviarti informazioni economiche e fiscali. I dati NON vengono ceduti a terzi.